copertina17def

Lo scorso week end, con l’associazione Il Cortile dell’Aquinate, abbiamo vissuto dei bei momenti, accompagnati dalla buona affluenza del pubblico, con il secondo viaggio nella bellezza. Quest’anno il tema scelto è stato “Nel buio la luce”.

La prima serata siamo partiti da un commento al quadro «Notte stellata» di V. Van Gogh che ha presentato l’insieme del programma. Suor Florenza e Padre Talmelli, un religioso che è anche un tenore, ci hanno regalato un concerto lirico molto apprezzato. Suor Federica ci ha magnificamente introdotto ai brani eseguiti per gustarli meglio. Anche la poesia vi ha trovato posto con il testo di Peguy sulla speranza, ben declamato dalla giovane attrice Cristina Ammendola.

L’indomani, dopo una testimonianza di suor Florenza sull’accoglienza della malattia nella sua vita, il monaco tenore, che allo stesso tempo è uno psichiatra, ha tenuto una bellissima conferenza sulla sua esperienza di medico, intervento molto concreto e quindi alla portata di tutti.

Nel frattempo anche i ragazzi provenienti da diverse nazionalità, (alcuni dei quali portatori di ipoacusia), hanno rappresentato un quadro di Caravaggio «La canestra di frutta», che Gerardo Faiola, professore di Arte e immagine, aveva preparato con loro e che ha magnificamente introdotto.

Ancora bellezza con la danza: è la volta di una donna, Irene De Santis, che, attraverso la coreografia e la semplicità della sua tenuta dai colori contrastanti (un mantello nero da un verso e color oro dall’altro) ha ripreso il tema di questo viaggio. Non sono mancati neanche gli strumenti: piano, violino, flauto, batteria..

c‘è stato di che poter sognare e riflettere sulle ombre e le luci nella nostra vita!

E la scenografia? Dei bei pannelli delicatamente illuminati da alcune «candele romantiche», specialità di suor Thérèse Marie.

Il prossimo viaggio nella bellezza? Comincia già a ronzare in testa… l’evangelizzazione passa anche attraverso questo e il feedback positivo del pubblico ci incoraggia a proseguire l’avventura.

Suor Marie Jean Mouton-Brady

Privacy Policy